» Pepe Guglielmo  
Squillace, 1783 Torino, 1855
 

Generale e patriota, fratello di Florestano. Difese la Repubblica partenopea contro i sanfedisti (1799). Combatté in Spagna per Murat (1811) e fece la campagna d'Italia (1815). Nei moti del 1820-1821 guidò l’esercito contro gli austriaci e fu vinto a Rieti (1821). Amico di Foscolo a Londra, nel 1848 ottenne l’amnistia e Ferdinando II lo mise al comando dell’armata spedita nel Veneto contro gli austriaci; richiamato a Napoli si rifiutò, raggiunse Venezia insorta e fu nominato generale in capo dell'esercito. Esule a Parigi, dopo il colpo di Stato (1851) si recò a Torino.