» Agresti Filippo  
Napoli, 1797 ivi, 1862
 

Patriota. Ufficiale dell'esercito borbonico, partecipò ai moti del 1820. Esule dal 1831 al 1848 per aver partecipato alla congiura "del monaco", tornato in patria, nel 1849, fu arrestato e nel 1851 condannato a morte quale aderente alla Grande Società dell'Unità italiana. Avendo avuto commutata la pena nell'ergastolo, nel gennaio del 1859 riuscì a far dirottare la nave che lo deportava in America del Sud e a sbarcare in Irlanda. Rientrato a Napoli nel 1860, fece parte del Comitato d'azione e fu membro di un Governo provvisorio sciolto da Garibaldi al suo arrivo.