» La Cecilia Giovanni  
(Napoli, 1801 ivi, 1880)
 

Uomo politico e scrittore. Carbonaro, partecipò alla rivoluzione del 1820, e fu perciò arrestato e bandito dal Regno al trionfo della reazione.

Emigrato, strinse relazioni con Mazzini, e visse sino al 1847 fra la Toscana, la Corsica, Marsiglia, Tours e Parigi (dove pubblicò La Repubblica Partenopea). Tornato poi a Livorno, fu implicato nelle lotte politiche toscane; passò quindi a Napoli, dove ebbe una parte importante negli avvenimenti del 15 maggio 1848, dopo i quali si rifugiò a Roma e presso il governo democratico di Toscana.

Di nuovo esule (1849), pubblicò in Piemonte una serie di scritti politici e letterari. Dopo il 1859 abbandonò il movimento risorgimentale e fu accusato di trame filo borboniche (scrisse allora Storie segrete delle famiglie reali, in 4 volumi, 1859-1860 e Storia degli ultimi rivolgimenti siciliani, 1860-1861).